DROP

drop-124

Non basta avere la Juve o l’Inter per produrre atleti di primo piano, figuratevi il Calvisano o il Petrarca: serve un progetto e servono le strutture per realizzarlo. In una parola, gli “schei”. La Fir, qualche anno fa, era partita con un sistema si...

drop-124

Il terzo Sei Nazioni consecutivo senza vittorie da parte degli Azzurri rilancia analisi e ricostruzioni fantasiose, ricette campate per aria, considerazioni senza basi sullo stato del rugby italiano. Detto che non ci sono cure miracolose, alcune osservazi...

blog-grid

Drop 117

Comincia una nuova stagione e pare che il “bonus d’ingresso”, ovvero quell’insieme di curiosità e simpatia che il rugby italiano aveva saputo suscitare nei partner, nel pubblico, negli sponsor e nelle televisioni, al momento del suo ingresso “i...

blog-grid

Drop 115

“L’uomo che guardava passare i treni” è un romanzo tra i più famosi di Georges Simenon. È stato pubblicato nel 1938 e la prima edizione italiana è del 1952. E se anche noi, noi rugbisti intendo, appartenessimo alla categoria di quelli che i tren...

blog-grid

Drop 113

Sale lo spread azzurro: la differenza tra i punti fatti e quelli subiti dall’Italia nel Sei Nazioni, quest’anno, ha superato per la prima volta quota 150 (-151). Mai dal 2000 il gap era stato tanto ampio. Non solo: gli Azzurri sono gli unici, fra le s...

blog-grid

Drop 111

Nelle scorse settimane, la Fifa ha esteso a 48 squadre (a partire dal 2026) la partecipazione alla fase finale della Coppa del Mondo di calcio. Fino al 1978 a prendere parte al Mondiale erano 16 nazioni, poi diventate 24 (dal 1982) e infine 32 (dal 1998)....